Grecia, appunti di viaggio

Ottobre in festa nella Grecia del Nord..è tempo di Tsipouro!

La Calcidica e la Regione del Monte Athos vi aspettano per un brindisi!

tsipouro_0

Se durante le vostre vacanze in Grecia non dite mai di no a un bicchierino di ouzo, il distillato tradizionale aromatizzato all’anice, solitamente servito con ghiaccio e acqua, la prossima volta provate ad assaggiare lo tsipouro! Si tratta di una classica grappa bianca originaria della regione del Monte Athos, in Calcidica, ma diffusa anche in Tessaglia, in Epiro, nella penisola del Mani, in Macedonia e a Creta (dove viene chiamata tsikoudia). La varietà più famosa della Calcidica è preparata con miele o mirtilli (“koumaro”), ma ne esistono anche a base di erbe spontanee, che i locali raccolgono meticolosamente nei boschi della regione.
Le prime tracce certe riguardanti la distillazione dello tsipouro risalgono al XIV secolo, ad opera dei monaci ortodossi del Monte Athos, ma il suo nome è più recente: “pouro” (πουρο) infatti significa “sigaro”, poiché fu proprio a partire dalla seconda metà del XVI secolo, con l’importazione del tabacco dalle Americhe, che in Europa si diffuse tra le classi agiate l’usanza di bere un bicchierino di grappa a fine pasto accompagnandolo con un buon sigaro.
Lo tsipouro si ottiene lasciando il mosto in fermentazione alcolica per un paio di giorni, e successivamente distillandolo verificando con costanza la condensazione e il calore. Per uno tsipouro più pregiato sono previsti numerosi cicli di distillazione. Il tutto viene poi lasciato riposare per settimane in silos di acciaio inox, oppure invecchiato in botti di legno per le varietà più rinomate, quindi imbottigliato. La grappa così ottenuta viene servita durante le cene, le feste, i raduni, o nei tipici locali greci chiamati tsipourerie, accompagnata da piccoli assaggi e mezedakia (olive, polipo, formaggio feta, frutta secca, uvetta, noci…), per riscaldare l’atmosfera e…innalzare il tasso di allegria della serata!
Proprio durante l’autunno, a partire dal 10 Ottobre e fino a Natale, turisti e visitatori avranno l’opportunità di celebrare questa deliziosa produzione tipica grazie allo speciale programma di percorsi enogastronomici e degustazioni proposto dall’ente turistico della regione del Monte Athos:
http://en.mountathosarea.org/what-to-do/wine-tours
Un’occasione irripetibile per godere della bellezza del territorio e gustare le sue innumerevoli specialità, in un clima di conviviale spensieratezza che rimarrà impresso nei vostri ricordi. Che aspettate? La Calcidica e la Regione del Monte Athos vi aspettano per un brindisi in buona compagnia!